Translate

lunedì 25 gennaio 2016

Il crowdfunding che pulirà il mare dalla plastica! Boyan Slat

Boyan Slat e la The Ocean Cleanup

Boyan Slat, classe 1994, è un inventore olandese, ex studente di Ingegneria aerospaziale. Grazie al suo amore per il mare ha fondato un'azienda, la The Ocean Cleanup, per pulirlo dalla plastica. Tramite una campagna di crowdfunding, in soli 40 giorni ha raccolto un milione di dollari, ora è a quota due milioni La filosofia di Boyan Slat è semplice:
  • ad ogni sbaglio si può rimediare, l'importante è farlo in tempo
Anche per questo, nel 2014, ha ricevuto il riconoscimento di "United Nations Champions of the Earth".


The Ocean Cleanup

La sua idea nasce in Grecia quando, al termine di un'immersione, rimane sconcertato dal constatare che il numero dei sacchetti di plastica sott'acqua è di gran lunga superiore al numero di pesci.  
  • Quindi perché non fare qualcosa per provare a pulire?
The Ocean Cleanup, prevede l'installazione di una piattaforma fissa a cui vengono collegate due lunghe barriere galleggianti che occuperanno circa un chilometro e mezzo, ancorate ai fondali che funzionano come se fossero un grande imbuto trattenendo la plastica, la quale viene raccolta su una piattaforma, separata dal placton e poi riciclata. Studiando la condizione della plastica estratta, si è scoperto che è possibile convertire questi rifiuti in olio o in nuovi materiali. Dopo tre anni di studio, il progetto si è evoluto ed è stato battezzato come "Ocean Cleanup Array". Boyan Slat sostiene che la sua invenzione è 33 volte meno costosa  rispetto ai metodi convenzionali di pulizia. Boyan Slat è partito dal presupposto che il sistema attuale per la pulizia degli oceani è poco efficiente in quanto consiste in delle reti trainate da imbarcazioni, che presentano due svantaggi: una scarsa capacità di contenimento delle reti e un dispendio economico eccessivo per far funzionare le barche.
  • perché dovremmo essere noi a muoverci tra i mari, se sono i rifiuti a muoversi verso di noi?
La sua invenzione è stata testata nelle Azzorre e supportata da studi di fattibilità a cui hanno lavorato una squadra di esperti internazionali in ingegneria, oceanografia, ecologia, diritto marittimo, finanza e riciclo rifiuti. 
The Ocean Cleanup verrà impiegato a partire da quest'anno per pulire i mari del Giappone dalla plastica, ma l'obiettivo finale è quello di coprire un'area di oltre 100 chilometri entro il 2021.
Credo che questo sia uno dei Progetti Vincenti più interessanti degli ultimi anni. L'amore e il rispetto di Boyan Slat per il Pianeta ci fanno ancora ben sperare per il futuro, ma credo che ognuno di noi debba fare la propria parte.
 
Fonte: Bio Chronicles e Gazzetta.it

Video Presentazione



2 commenti:

  1. Rimango sempre molto colpito quando un ragazzo brillante riesce a portare avanti un Suo Progetto nonostante le tante difficoltà. A maggior ragione oggi che le difficoltà sono ancor maggiori. I miei complimenti, Boyan Slat

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si, specialmente in Italia! Nonostante tutti gli aiuti, le startup italiane dopo il primo anno di vita ancora non decollano, anzi la maggior parte falliscono.

      Elimina

Tutti i commenti offensivi e spam verranno eliminati