Translate

giovedì 1 ottobre 2015

Piccoli genii. Grazie alla banana acqua potabile

Grazie alla banana acqua potabile

Si è chiuso il 21 settembre 2015 l'European Union Contest for Young Scientists (EUCYS), il concorso dell'Unione Europea per giovani inventori. L'Italia pur non salendo sul podio, ha visto premiato il 20enne salentino Alvaro Maggio, con il suo progetto di rendere le acque potabili attraverso gli scarti delle bucce di banana.


 

La Metals-Catchers e Alvaro Maggio

Alvaro Maggio ha frequentato il liceo scientifico "Quinto Ennio" di Gallipoli, ora studia ingegneria industriale a Lecce. 
Il nome del suo progetto è  "Metals-Catchers" e sfrutta la pectina presente nelle bucce della frutta e delle verdure, per depurare l'acqua contaminata dai metalli pesanti. Il processo avviene poiché la frutta ha una carica negativa mentre i metalli si comportano come le cariche positive.
In particolare, Alvaro Maggio utilizza filtri fatti con le bucce di banana essiccate. Il metodo è a basso costo e relativamente semplice, in quanto il processo chimico è naturale. La buccia di banana viene essiccata e tritata, e infine inserita in comuni filtri per la depurazione o nei tubi. La buccia di banana funziona fino al nono utilizzo, senza perdere efficacia, per evitare il pretrattamento chimico dei metodi tradizionali, eliminando anche il loro impatto ambientale aggiuntivo.
Alvaro Maggio ha già ricevuto offerte di finanziamento per il suo progetto, ma ha preferito rifiutarle, in quanto richiedevano percentuali molto alte per costituire una startup.
Comunque, Alvaro Maggio non guarda solo all'Italia, anzi spera di andare in America o in Canada, dove le possibilità di crescita sono maggiori.


EUCYS

E' la competizione che premia i progetti e le invenzioni scientifiche di giovani inventori dai 14 ai 20 anni. Quest'anno era la 27esima edizione e la premiazione è avvenuta a Milano, presso l'Expo. La competizione coinvolge piccoli inventori nel campo della matematica, fisica, medicina, o biologia, che hanno inventato qualcosa di socialmente utile per la comunità, passando dalla sostenibilità ambientale, alla salute fino all'informatica. Sono arrivati 169 progetti in finale e ne sono stati selezionati 9, ovvero 3 per ogni posto sul podio, più altri che hanno avuto l'opportunità di stage presso laboratori.
Tra questi Alvaro Maggio che avrà la possibilità di trascorrere una settimana agli Istituti per l'Ambiente e la Sostenibilità dell'Unione Europea a Ispra (Varese), Davide Carboni e Alessandro Carra, 19enni, entrambi studenti dell'IIS Volterra-Elia di Ancona, che hanno presentato un cestino intelligente che fa la raccolta differenziata da solo (IBIN), avendo un sistema di riconosciemento degli oggetti. Loro hanno ottenuto un tirocinio nei laboratori della Bruno Kessler Foundation a Trento.


Fonti: StartupItalia e Corriere Salentino

Nessun commento:

Posta un commento

Tutti i commenti offensivi e spam verranno eliminati